ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - IC PIOVE DI SACCO 2  

CURRICOLO D'ISTITUTO

Per una scuola dell’essere, del fare e del conoscere

Il curriculum è il progetto dell’azione educativa e formativa di una scuola che anima il Piano dell’Offerta Formativa, perseguendo le finalità, i traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento posti dalle Indicazioni Nazionali. È un percorso articolato e diversificato che prevede metodologie, strategie didattiche e verifiche dei risultati e dei processi atti a ottimizzare le risposte ai bisogni formativi degli studenti.

 

 


 

Il nostro Curricolo d'Istituto si fonda su tre pilastri fondamentali perché:

  La nostra istituzione scolastica ha assunto dal 1 settembre 2013 la configurazione giuridico-amministrativa di Istituto Comprensivo, per effetto del dimensionamento provinciale e da allora Il Collegio dei Docenti ha intrapreso un percorso di ricerca sul curriculum verticale per elaborare una progettualità educativo-didattica e formativa che fosse significativa, concreta, progressiva e unitaria, in parallelo con l’accoglienza e la contestualizzazione delle esigenze dei nostri utenti e in collaborazione attiva con tutte le agenzie educative del territorio, in primis la famiglia e le Associazioni (curriculum orizzontale).

Pertanto la comunità professionale dei docenti, del personale dirigente e dei collaboratori si attiva per la creazione di un clima relazionale positivo tra tutti i soggetti dell’azione educativa con l’adozione di metodologie e strategie che promuovano l’inclusione di tutti e di ciascuno, che valorizzino le diversità, stimolino la curiosità e sviluppino il pensiero critico e creativo.

 


Avendo come Finalità':

la nostra scuola modella le programmazioni didattiche dei tre ordini di scuola, infanzia, primaria e secondaria di 1°, in un unico percorso strutturante, tenendo conto delle diverse fasi di sviluppo e predisponendo ambienti di apprendimento differenziati ma coordinati dai docenti.

 

Il Curriculum dunque, inteso come complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che la nostra scuola progetta e realizza per i propri alunni dai 3 ai 14 anni, è il risultato delle nostre esperienze, ricerche e innovazioni educative e individua le tappe e le strategie dell’apprendimento in riferimento alle competenze che l’allievo deve acquisire e alle sue mete formative, intese come traguardi attesi, dove si intrecciano il sapere, il saper fare, il saper essere.

Sulla base delle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo e all’interno dell’orizzonte delle 8 Competenze chiave per l’apprendimento permanente definite dal Parlamento Europeo e del Consiglio dell’U. E. (Raccomandazione del 18/12/2006), i docenti, riuniti in commissioni dipartimentali, hanno individuato traguardi per lo sviluppo delle competenze, obiettivi formativi, nuclei fondanti, obiettivi specifici di apprendimento, obiettivi trasversali, modalità di valutazione, metodologie.

 


Il Curriculum si declina in: 

A loro volta gli obiettivi di apprendimento sono scomposti in conoscenze e abilità da sviluppare progressivamente in ogni classe.

 


Il Curriculum si articola attraverso:

 


Profilo delle Competenze dello Studente al termine del primo ciclo dell'Istruzione

PROFILO DELLE COMPETENZE

COMPETENZE CHIAVE

Ha una padronanza della lingua italiana tale da consentirgli di comprendere enunciati e testi di una certa complessità, di esprimere le proprie idee, di adottare un registro linguistico appropriato alle diverse situazioni.

Comunicazione nella madrelingua o lingua di istruzione

Nell’incontro con persone di diverse nazionalità è in grado di esprimersi a livello elementare in lingua inglese e di affrontare una comunicazione essenziale, in semplici situazioni di vita quotidiana, in una seconda lingua europea. Utilizza la lingua inglese nell’uso delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Comunicazione nelle lingue straniere.

Le sue conoscenze matematiche e scientifico-tecnologiche gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l’attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri. Il possesso di un pensiero logico-scientifico gli consente di affrontare problemi e situazioni sulla base di elementi certi e di avere consapevolezza dei limiti delle affermazioni che riguardano questioni complesse che non si prestano a spiegazioni univoche.

Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia.

Usa con consapevolezza le tecnologie della comunicazione per ricercare e analizzare dati ed informazioni, per distinguere informazioni attendibili da quelle che necessitano di approfondimento, di controllo e di verifica e per interagire con soggetti diversi nel mondo.

Competenze digitali.

Si orienta nello spazio e nel tempo dando espressione a curiosità e ricerca di senso; osserva ed interpreta ambienti, fatti, fenomeni e produzioni artistiche.

Imparare ad imparare. Consapevolezza ed espressione culturale.

Possiede un patrimonio organico di conoscenze e nozioni di base ed è allo stesso tempo capace di ricercare e di procurarsi velocemente nuove informazioni ed impegnarsi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo.

Imparare ad imparare.

Utilizza gli strumenti di conoscenza per comprendere se stesso e gli altri, per riconoscere ed apprezzare le diverse identità, le tradizioni culturali e religiose, in un’ottica di dialogo e di rispetto reciproco. Interpreta i sistemi simbolici e culturali della società.

Consapevolezza ed espressione culturale.

In relazione alle proprie potenzialità e al proprio talento si esprime in ambiti motori, artistici e musicali che gli sono congeniali.

Consapevolezza ed espressione culturale.

Dimostra originalità e spirito di iniziativa. Si assume le proprie responsabilità, chiede aiuto quando si trova in difficoltà e sa fornire aiuto a chi lo chiede. È disposto ad analizzare se stesso e a misurarsi con le novità e gli imprevisti.

Spirito di iniziativa…
Competenze sociali e civiche.

Ha consapevolezza delle proprie potenzialità e dei propri limiti. Orienta le proprie scelte in modo consapevole. Si impegna per portare a compimento il lavoro iniziato da solo o insieme ad altri.

Imparare a imparare. Competenze sociali e civiche.

Rispetta le regole condivise, collabora con gli altri per la costruzione del bene comune esprimendo le proprie personali opinioni e sensibilità.

Competenze sociali e civiche.

Ha cura e rispetto di sé, come presupposto di un sano e corretto stile di vita. Assimila il senso e la necessità del rispetto della convivenza civile. Ha attenzione per le funzioni pubbliche alle quali partecipa nelle diverse forme in cui questo può avvenire: momenti educativi informali e non formali, esposizione pubblica del proprio lavoro, occasioni rituali nelle comunità che frequenta, azioni di solidarietà, manifestazioni sportive non agonistiche, volontariato, ecc.

Competenze sociali e civiche.

  


Valutazione

L’insegnamento-apprendimento è un processo dinamico finalizzato alla maturazione di competenze, abilità e conoscenze che sono esplicitate nei traguardi delle competenze a fine ciclo e che vengono valutate con modalità e criteri condivisi, omogenei, trasparenti stabiliti dal Collegio Docenti. La valutazione concorre ai processi di autovalutazione degli alunni e al loro successo formativo, ma soprattutto introduce modalità riflessive sull’intera organizzazione dell’offerta formativa per migliorarne l’efficacia.


Piccolo glossario

- Competenza: è il sapere agito, cioè la capacità di far fronte ad un compito, utilizzando conoscenze e abilità pregresse e attitudini trasferendole consapevolmente in ambiti differenti.

- Conoscenza: acquisizione, comprensione e memorizzazione di contenuti, fatti, concetti, regole…

- Abilità: capacità di utilizzare strumenti operativi e procedure; si distinguono in cognitive e pratiche.

- Obiettivi di apprendimento: obiettivi definiti al termine del 3°, 5° anno della primaria e al 3° della secondaria di I° e sono ritenuti strategici per lo sviluppo delle competenze.

- Campi di esperienza: luoghi del fare e dell’agire del bambino orientati dall’azione consapevole degli insegnanti e introducono ai sistemi simbolico-culturali.

- Discipline e aree disciplinari: apprendimenti organizzati in modo progressivamente orientato ai saperi disciplinari, promuovendo con le aree l’interazione e collaborazione fra le discipline.

- Profilo delle competenze: insieme delle competenze che un ragazzo deve mostrare di possedere al termine della scuola primaria e del primo ciclo di istruzione. Tale profilo è formalmente riconosciuto nella certificazione delle competenze, documento conforme agli standard minimi fissati dalla legislazione vigente e rilasciato dall’ente scolastico.

- Traguardi per lo sviluppo delle competenze: sono traguardi relativi ai campi di esperienza e alle discipline fissati al termine delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di 1° grado. Sono dunque riferimenti ineludibili e prescrittivi per gli insegnanti e costituiscono criteri per la valutazione delle competenze attese, a garanzia dell’unità del sistema nazionale e della qualità del servizio.

 

 

Il nostro Istituto è accreditato come centro esami del Trinity College di Londra.

Il progetto europeo Comenius “Travel logs : Eco-Migratory-Birds”, al quale il nostro Istituto ha partecipato in collaborazione con scuole francesi, svedesi e inglesi, è stato inserito nel database europeo EST (European Shared Treasure).

Per accedere al database e ai diversi lavori prodotti da noi e dalle scuole partner cliccate nell'immagine sottostante.

I am in est

 

Vai all'inizio della pagina